Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

logo

Corso sviluppo psicomotorio neonato

 

Un incontro all'insegna della formazione e dell'informazione sullo sviluppo psicomotorio del neonato quello che si è tenuto ieri sera, venerdì 28 luglio, presso i locali della Croce Verde a Porto S.Elpidio.

Evento organizzato dall'associazione l’Albero della Sibilla, coordinato dall’ostetrica Monacelli Susi, in collaborazione con l’associazione Michelepertutti Onlus.

Numerosi genitori hanno partecipato per ascoltare la terapista e Osteopata Giulia Bertazzoli, relatrice, che utilizza il TSC.

Giulia ha parlato delle tappe fondamentali dello sviluppo psicomotorio nei primi 12 mesi di vita del bambino, ha trattato il ruolo degli adulti, che devono fornire il giusto ambiente e i giusti stimoli affinché questo avvenga nel modo più naturale possibile. Ha sottolineato l'importanza del rispettare i tempi del bambino lasciandolo libero di sperimentare i movimenti del corpo, soprattutto nella posizione prona e supina, per favorire uno sviluppo psicomotorio sano e armonioso. La terapista ha invitato i genitori a osservare i neonati affinché leggeri “ritardi” nello sviluppo psicomotorio possano essere diagnosticati ed instaurare se necessario terapie ed interventi utili.

L’associazione Michelepertutti Onlus per favorire e aiutare lo sviluppo psicomotorio applica la terapia del dottor Mario Castagnini.

"Il metodo terapeutico e preventivo si basa in sostanza sul riproporre al bambino tutta la serie di schemi neuropsicomotori che fanno parte del bagaglio innato dell'apprendimento naturale".                                                       
Si tratta quindi di esercizi semplici da fare più volte anche a casa nell'arco della giornata.

Si ringraziano sia i genitori, che hanno partecipato con interesse all'evento, che Giulia. Auspicando che questo sia un'inizio di collaborazione per l'interesse unico del benessere dei bambini.