Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

logo

L'arte maieutica di trasformare la contrarietà in risorse

La grammatica dei conflitti Daniele Novara
Sonda

Anche se li riteniamo problemi, qualcosa da evitare che produce sofferenza e che deve essere risolto subito, i conflitti sono in realtà eventi quotidiani e comuni: ogni giorno ciascuno di noi ne vive un numero variabile. Ma, dato che il conflitto è un’esperienza assolutamente personale, capita che di molti neanche ci accorgiamo, di alcuni restiamo increduli, tanti covano dentro e poi esplodono improvvisi, spesso attivando sensi di colpa e copioni relazionali tanto inefficaci quanto fissi e consolidati, dai quali non sappiamo come uscire. E spesso i conflitti possono cambiarci la vita.

Nonostante le difficoltà, il conflitto è una forma della relazione umana: è importante allora distinguerlo dalla violenza, che non è, come spesso erroneamente si ritiene, una facile degenerazione dell’esperienza conflittuale, quanto piuttosto una scorciatoia per non affrontare i conflitti eliminando unilateralmente il problema che l’altro ci pone. Èd è importante imparare a conoscerlo e a conoscerci in esso per poter gestire in modo competente, efficace e creativo la nostra vita di coppia, le contrarietà in famiglia, sul lavoro, nella convivenza sociale e interculturale, nell’ambito educativo e formativo.

La prospettiva  innovativa di questo libro è che dai conflitti è possibile imparare: l’esperienza conflittuale è molto ricca e ciascuno può riuscire a trarne il meglio per sé e per gli altri, senza voler trovare a tutti i costi una soluzione ma imparando a «so-stare».  Daniele Novara, pedagogista e formatore di lunga esperienza, propone un’ottica nuova, orientata all’apprendimento, frutto di più di vent’anni di lavoro e ricerca realizzati insieme allo staff del Centro Psicopedagogico per la pace e la gestione dei conflitti (Cpp) che dirige. E così questa grammatica, ricca di esempi, situazioni, esperienze umane reali e comuni, offre diverse possibilità:

  • Consente di individuare gli elementi costitutivi dei conflitti: i tipi principali, da quello intrapersonale a quello esterno; i contesti in cui sorge; gli aspetti culturali e sociali che aiutano o meno a diffonderlo.
  • Offre strumenti operativi e pratici per imparare a leggerli: cosa accade dentro e fuori di noi quando litighiamo, quali sono i nostri tasti dolenti, quali meccanismi attuiamo inconsapevolmente, e quali possono aiutarci ad affrontare le situazioni difficili in modo più competente.
  • Propone modalità sperimentate per scoprire e attivare in noi quelle risorse interiori e quelle competenze (di mediazione o negoziazione ad esempio)  che possono consentirci di trasformare il conflitto nostro o altrui in risorsa per tutti.